2013
Luglio
15
Lun
Lunedì, 15 Lug 2013

Marciano, un campione normaleCiao a tutti. Come state? Io benissimo!! Proprio in questi giorni mi sto occupando di una cosa fichissima. Raccogliere storie dove lo Sport Coaching ha fatto la differenza,ed i protagonisti nemmeno se ne rendevano conto.

Già altre volte vi ho proposto storie di uomini che sono andati contro alle loro più grandi paure per realizzare un sogno. E non sto parlando di predestinati, ma di persone “eccezionali” dal punto di vista mentale, piuttosto che fisico.

Oggi è il turno di un campione per caso. Uno che nemmeno voleva praticarlo lo sport dove è diventato un re incontrastato. Stiamo parlando di: Rocco FrancesMarchegiano, ma è meglio chiamarlo col nome che l’ha reso una “leggenda” nella Boxe. Rocky Marciano!!!

Leggi tutto

2013
Luglio
08
Lun
Lunedì, 08 Lug 2013

Oggi si inizia a capire a tutti i livelli che per fare la differenza non basta solo il conoscere ma serve molto l'essereSono un coach, mental coach e spesso mi chiedono cosa faccio. Semplicemente rispondo che alleno la mente.

Leggi tutto

2013
Maggio
06
Lun
Lunedì, 06 Mag 2013

Vincere col Mental CoachingHo avuto un Flash! Chi ha fatto l’Excellence Coaching sa di cosa parlo (chi non lo ha ancora fatto vada di corsa a iscriversi!).

Leggi tutto


2013
Aprile
29
Lun
Lunedì, 29 Apr 2013

Campione senza bandieraNon è detto che un Campione in campo… lo sia anche fuori. Ma quando si trovano persone così, dal mio punto di vista, fanno quel salto in avanti che gli eleva a “CAMPIONE SENZA BANDIERA”, quelli che (a prescindere dalla fede, dalla simpatia…) sono applauditi a prescindere. Leggi tutto

2013
Aprile
23
Mar
Martedì, 23 Apr 2013

Scacco matto alle sconfitte col Mental TrainingScacchi? Si..si..proprio loro! E lo sapete perché? Nello Sport Coaching, come nella vita, bisogna fare come su una scacchiera…… Pensare tre mosse avanti!!!!

Leggi tutto


Vincere prima di giocare? Oggi è possibile grazie al Mental Coaching!
Lunedì 07 Giugno 2010

Mental CoachingCiao, eccomi di nuovo qui a parlare di mental coaching applicato al calcio.

L’argomento di oggi è l’Anticipazione Mentale del Successo, che consiste nel vivere mentalmente il risultato POSITIVO di un’azione, un evento, etc., che devi ancora compiere. L’idea di questo articolo mi è venuta guardando il nuovo spot che la Nike ha fatto per i prossimi Mondiali in Sudafrica, quindi prima di proseguire nell’articolo, GUARDALO!

Il video si chiama “Write the future” ed è esattamente ciò che succede nella nostra mente, in maniera spesso inconscia, quando stiamo affrontando un qualcosa d'importante: ci proiettiamo delle immagini, dei suoni e viviamo delle sensazioni circa il risultato che otterremo. Questo succede praticamente sempre prima di fare qualcosa di importante e MOLTO SPESSO ciò che accade ricalca ciò che ci eravamo immaginati. Spesso invece del “successo” ci proiettiamo un “fallimento”. Ad esempio la famosa paura di vincere che fa arretrare una squadra quasi sulla linea dell’area una volta che è in vantaggio (anche se sullo 0-0 aveva giocato in modo brillante con un gran possesso palla), oppure la rassegnazione pre-partita quando l’avversario è notoriamente più forte sulla carta, etc.

Un caso davvero denso di esempi è il calcio di rigore, infatti è noto che chi cambia angolo all’ultimo momento di solito sbaglia: probabilmente ciò che accade è che il rigorista già parte insicuro e durante la rincorsa si dice un qualcosa tipo “E se sbaglio?”, quindi decide di cambiare angolo un istante prima di calciare, ma il suo cervello o ha ancora l’immagine dell’errore o non ha proprio nessuna immagine e, puntualmente, SBAGLIA. Un altro esempio relativo al rigore sta nella differenza tra chi “non se la sente di tirare” e chi “se la sente” (spesso nei 5 rigori finali): se andassimo a chiedere loro quali sono le loro sensazioni ed immagini mentali, probabilmente i primi parlerebbero di paura di sbagliare, mentre gli altri non vedrebbero l’ora di esultare dopo aver visto la rete gonfiarsi.

Ribadisco un concetto molto importante: il nostro cervello non distingue un'esperienza reale da una vividamente immaginata e reagisce di conseguenza (esempio: se nel sonno state sognando di cadere, il vostro corpo si muove come se steste cadendo realmente). Addirittura il cervello non reagisce alla realtà oggettiva, ma all’immagine mentale che abbiamo di una certa situazione (es: la realtà oggettiva di una ragazza anoressica che si guarda allo specchio è che è pelle e ossa, ma lei si vede grassa e di conseguenza continuerà a non mangiare). L’idea è che le immagini, i suoni e le sensazioni che ti proietti sul risultato di una tua azione prima che tu la faccia sono dei COMANDI che stai dando al tuo cervello e lui reagirà di conseguenza dando input al tuo corpo in relazione a quei comandi.

Quindi prima di fare un qualcosa d’importante immagina e vivi il successo che otterrai, rendi il tutto il più verosimile e motivante possibile. Assapora fino in fondo le magnifiche sensazioni che proverai una volta che avrai raggiunto quell’obiettivo. Le domande che devi farti sono: “Cosa succederà di eccezionale dopo che avrai raggiunto quell’obiettivo? Quanto meravigliosamente bene ti farà stare? Quanto aumenterà la tua autostima?

Questo concetto vale per azioni di lungo periodo: lo si può fare all’inizio di una stagione immaginandosi come si starà quando la squadra avrà raggiunto l’obiettivo della società, prima di un ciclo importante di partite, prima dei play-off, etc. oppure per eventi di breve o brevissimo periodo: prima di una partita pensando a quanto sarà bello festeggiare con i compagni nello spogliatoio a fine gara, prima di un calcio di punizione, di un rigore, etc. Immaginati durante la partita mentre tutto scorre come tu vuoi che vada, sei elegante nei movimenti, il tuo fisico ti dà ottime sensazioni, metti la palla esattamente dove desideri, sei nel posto giusto al momento giusto, i tuoi compagni, il mister e il pubblico ti riempiono di complimenti (a chi non piace sentirsi dire “Bravo”!).

Concludendo ti lascio con un esempio caro a noi del Team Ekis Sport. Sto parlando del rigore di Shevchenko durate la finale di Champions League a Manchester contro la Juve. Sheva chiese ad Ancelotti di calciare l’ultimo rigore, che si rivelò essere il decisivo. Ancelotti, qualche giorno dopo la partita gli chiese perché voleva battere proprio l’ultimo rigore e lui rispose che voleva tornare in Ucraina da vincitore con la Coppa dei Campioni. Probabilmente si era già visto uscire dal portellone dell’aereo con tifosi festanti e centinaia di giornalisti ad attenderlo, sentiva i cori che scandivano il suo nome, aveva visto la sua immagine tappezzare i muri di Kiev, quasi certamente si vedeva tornare non solo da Campione ma quasi da Eroe Nazionale in quella Patria da lui amata che lo ha visto andare via come un ragazzo di belle speranze.

Mentre guardi quel filmato, ti invito a notare la sua postura fiera e determinata, la decisione della sua camminata, il fuoco nei suoi occhi e soprattutto nel momento in cui lui è pronto per calciare, l’arbitro tentenna un attimo e non fischia e lui lo guarda ripetutamente come per dire “Oh Fischi?!”. Nella sua testa non c’era l’opzione di sbagliare, quel rigore era semplicemente una pura formalità.

Questo vale nel calcio come in tutti gli altri sport: prima di un tiro libero nel basket, di un calcio tra pali nel rugby, di un put nel golf, di un lancio nel baseball, di una battuta nel volley, etc. Più in generale, prima di una partita, una sfida o una gara in qualsiasi sport.

Attenzione: l’anticipazione mentale del successo NON è la sicurezza di raggiungere quel risultato, ma è un modo INCREDIBILMENTE EFFICACE per accedere a tutte le tue risorse e potenzialità nel momento in cui tu ne hai bisogno.

Ulteriori spunti e informazioni utili li puoi trovare leggendo l’articolo che Silvia ha scritto sull’importanza della Visualizzazione.

Seguimi perché nel mio prossimo articolo ti proporrò un esercizio per utilizzare al meglio tutto questo.

Stay Tuned.

PS: Chissà se Bonucci, che oggi sulla Gazzetta dello Sport ringrazia il suo Mental Coach, ha utilizzato questa tecnica!

Giuseppe MontanariDi Giuseppe Montanari

 

I più letti

2010
Maggio
10
Lun
Lunedì, 10 Mag 2010

Nel mio ultimo articolo ti ho promesso che ti avrei raccontato perché nel lavoro di sport coaching uno degli elementi fondamentali per migliorare le prestazioni è visualizzare.

Leggi tutto

2011
Novembre
07
Lun
Lunedì, 07 Nov 2011

Maglie, Pettorali e MEDAGLIE di ragazzi che hanno usato tanto Mental Coaching e tantissimo CuoreSto scrivendo dal mio albergo di NY, dove sinceramente non vedevo l’ora di arrivare! Perché? Bè, oggi ho appena finito la ING New York City Marathon e sono veramente a pezzi.

Leggi tutto

2011
Maggio
03
Mar
Martedì, 03 Mag 2011

Il mental coaching per ritrovare la motivazione mentalePer questo articolo ho preso spunto da una sessione di Mental Coaching durante la quale mi è stato chiesto un lavoro specifico riguardo alla perdita di motivazione. Come diceva il grande maestro Oogway (Kung Fu Panda) “il caso non esiste”... quindi ti racconto come, nella mia esperienza, ho lavorato con atleti riguardo a questa tematica.

Leggi tutto


2010
Giugno
07
Lun
Lunedì, 07 Giu 2010

Mental CoachingCiao, eccomi di nuovo qui a parlare di mental coaching applicato al calcio.

Leggi tutto


2010
Giugno
28
Lun
Lunedì, 28 Giu 2010

Juninho Pernambucano, specialista delle punizioni, forse ha utilizzato il mental coachingCome promesso nell’articolo precedente, sono ad illustrarvi un’applicazione concreta di come il mental coaching e l’anticipazione mentale del successo possono farti sfruttare al massimo un calcio di punizione.

Leggi tutto


2010
Aprile
12
Lun
Lunedì, 12 Apr 2010

Lavorando in ambito golfistico so che la capacità di visualizzare per chi gioca a golf (ma vale anche per gli altri sport) è di grande importanza!

Leggi tutto

2010
Agosto
31
Mar
Martedì, 31 Ago 2010

Inter Campione d’Europa 2010 e Campioni di Mental CoachingCiao a tutti sono Danilo, con questo mio primo articolo del blog vi parlerò di come i grandi campioni utilizzano (consciamente o inconsciamente) tecniche di Mental Coaching per raggiungere grandi e grandissimi risultati.

Leggi tutto


2010
Novembre
16
Mar
Martedì, 16 Nov 2010

I campioni del Mondo di Show Dance Production 2006 insieme al loro mental coach Alessandro MoraSe dovessi pensare ad una delle attività più comuni che gli sportivi fanno il giorno dopo la gara, probabilmente direi “comprare la Gazzetta dello Sport” (o qualunque altro giornale che parli della loro prestazione del giorno prima) oppure guardare i commenti su internet! :-)

Leggi tutto


2010
Ottobre
19
Mar
Martedì, 19 Ott 2010

Incredibile coreografia del Barça, fatta da uno Sport CoachOggi mi rivolgo agli allenatori, che spesso svolgono anche il ruolo di Sport Coach.

Una veloce premessa: non parlerò né di tecnica né di tattica, tu allenatore sei sicuramente molto più preparato di me.

Leggi tutto


2011
Settembre
12
Lun
Lunedì, 12 Set 2011

I Navy Seals utilizzano tecniche di Mental Coaching per superare le prove più dureMi rendo conto che il titolo sia molto forte, ma grazie al mental coaching, sto diventando un attento osservatore delle dinamiche della nostra mente e credo fortemente che nella maggior parte dei casi sia davvero così: FATICA FISICA = BULLSHIT!

Leggi tutto

Riester Vergleich pkv Finanzierung
© Ekis Sport - Ekis Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia
Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE