2013
Luglio
15
Lun
Lunedì, 15 Lug 2013

Marciano, un campione normaleCiao a tutti. Come state? Io benissimo!! Proprio in questi giorni mi sto occupando di una cosa fichissima. Raccogliere storie dove lo Sport Coaching ha fatto la differenza,ed i protagonisti nemmeno se ne rendevano conto.

Già altre volte vi ho proposto storie di uomini che sono andati contro alle loro più grandi paure per realizzare un sogno. E non sto parlando di predestinati, ma di persone “eccezionali” dal punto di vista mentale, piuttosto che fisico.

Oggi è il turno di un campione per caso. Uno che nemmeno voleva praticarlo lo sport dove è diventato un re incontrastato. Stiamo parlando di: Rocco FrancesMarchegiano, ma è meglio chiamarlo col nome che l’ha reso una “leggenda” nella Boxe. Rocky Marciano!!!

Leggi tutto

2013
Luglio
08
Lun
Lunedì, 08 Lug 2013

Oggi si inizia a capire a tutti i livelli che per fare la differenza non basta solo il conoscere ma serve molto l'essereSono un coach, mental coach e spesso mi chiedono cosa faccio. Semplicemente rispondo che alleno la mente.

Leggi tutto

2013
Maggio
06
Lun
Lunedì, 06 Mag 2013

Vincere col Mental CoachingHo avuto un Flash! Chi ha fatto l’Excellence Coaching sa di cosa parlo (chi non lo ha ancora fatto vada di corsa a iscriversi!).

Leggi tutto


2013
Aprile
29
Lun
Lunedì, 29 Apr 2013

Campione senza bandieraNon è detto che un Campione in campo… lo sia anche fuori. Ma quando si trovano persone così, dal mio punto di vista, fanno quel salto in avanti che gli eleva a “CAMPIONE SENZA BANDIERA”, quelli che (a prescindere dalla fede, dalla simpatia…) sono applauditi a prescindere. Leggi tutto

2013
Aprile
23
Mar
Martedì, 23 Apr 2013

Scacco matto alle sconfitte col Mental TrainingScacchi? Si..si..proprio loro! E lo sapete perché? Nello Sport Coaching, come nella vita, bisogna fare come su una scacchiera…… Pensare tre mosse avanti!!!!

Leggi tutto


Lo Sport Coaching e gli scacchi
Martedì 23 Aprile 2013

Scacco matto alle sconfitte col Mental TrainingScacchi? Si..si..proprio loro! E lo sapete perché? Nello Sport Coaching, come nella vita, bisogna fare come su una scacchiera…… Pensare tre mosse avanti!!!!

Se parlaste con un grande giocatore, lui vi spiegherebbe che questa è una cosa fondamentale, che viene prima di tutto. Soltanto dopo aver pensato, almeno alle tre probabili mosse successive, si procede con l’apertura.

Allo stesso modo un Coach, di quelli con la “c” maiuscola,non si dovrebbe mai sognare di iniziare un lavoro con un atleta o un allenatore, senza aver pensato a come operare nell’immediato futuro.

Dopo aver parlato con la persona con la quale lavorare, la preparazione del percorso da proporre è fondamentale, come lo è l’avere un eventuale “piano B”. Sembrerebbero cose scontate, ma se vengono ancora scritti libri e libri su questo argomento vuole dire che non lo sono.

Per quanto possa contare il mio parere, vi assicuro che il 70% dei percorsi di Coaching nello sport, sono purtroppoancorabasati sull’improvvisazione.

Una delle mie frasi preferite è propria di un giocatore di scacchi

”L’abilità di un giocoliere sta nel lancio.”

Che è un assoluto inno alla preparazione se ci pensate, e al guardare automaticamente avanti; in questo modo “la presa”, cioè il risultato finale, diventa soltanto una logica conseguenza.

La preparazione mentale fa la differenza….il Coach come un giocoliere.Sempre utilizzando il parallelismo con scacchi vi voglio spiegare cosa intendo:

“Lo scacco matto dell’imbecille.” o più eufemisticamente,“Scacco matto dello stolto”, è il modo più veloce di perdere una partita (4 mosse), e avviene soltanto per un’apertura suicida del giocatore che muove per primo.

Stessa cosa è il fallimento di una collaborazione Coach-Atleta; avviene soltanto per una “apertura” sbagliata da parte del Coach.

Tutte e due queste situazioni sono figlie di una mancata preparazione, e di una grande superficialità.

L’atleta o l’allenatore che si avvale dell’aiuto di un professionista del Mental Training, per potersi fidare, e quindi affidare, deve poter leggere nel Coach la sicurezza di chi ha già visto qualcosa; di chi ha già le idee chiare per impostare un cammino.

Se non si sa cosa si vuole andare aproporre, oppure si fa qualcosa con superficialità, sperando che poi durante il “viaggio” ci possa venire in mente qualche buona idea, si andrà con molta probabilità verso un inevitabile “naufragio”.

Se al contrario si pone la giusta attenzione alla propria preparazione, si prendono tutte le dovute informazioni, e si stabilisce un buon “Rapport” col cliente, le probabilità che le cose vadano per il meglio sono molto più alte.

Poi sta alla bravura del Coach adattare la rotta, e le modalità del lavoro, a seconda di quello che accadrà, ma sempre guardando avanti di “almeno tre mosse”, e sempre con un “piano B” in tasca.

Naturalmente tutto questo avviene quando non si ha la fortuna di scegliere un MentalCoach che si rispetti, perché come diceva il grande scacchista Russo Gary Kasparov:

“Un Maestro di scacchi non cerca la mossa giusta: la vede!”.

Concetto che ho sentito argomentare più e più volte da uno dei migliori Mental Coach italiani, forse il migliore, Livio Sgarbi:

“Un bravo Coach vede già il cambiamento della persona con cui lavora.” Proprio così, non ha bisogno di cercarlo lo vede già.

Immaginate di essere uno scalatore e di trovarvi davanti ad una vetta da scalare, cosa pensate sia più facile:

1)     Pensare alla scalata partendo dalla base e andando su verso la vetta?

2)     Pensare di essere già sulla vetta, e vedere venendo in giù tutti i passi compiuti per arrivarci fino a giungere alla base?

La prima dote di uno Sport coach è vedere il cammino da intraprendere.E’ evidente che è meglio il secondo modo.

Questo un Coach lo può fare soltanto se hal’immagine, in gergo tecnico se ha “allucinato” il cambiamento, il risultato finale, del proprio cliente.

Giacché mi avete sentito parlare di “piano B” più di una volta, vi voglio spiegare quello che intendo, e anche questa volta chiederò aiuto a un altro grande campione degli scacchi, nonché filosofo e matematico,EmanuelLasker:

“Quando vedi una buona mossa…aspetta. Cercane una migliore !”

Allo stesso modo, quando troviamo una buona “mossa” da proporre a un atleta per la sua crescita, aspettiamo e cerchiamone una migliore.

Il concetto è di non accontentarsi, pensiamo a qualcosa di ancora più efficace.

Se non la dovessimo trovare, o se avessimo la necessità di agire velocemente, potremmo a quel punto fare sempre affidamento a quella che avevamo trovato in precedenza.

Se invece la troviamo, non dobbiamo fare altro che attuarla.

Adesso, nell’ipotesi che non dovesse funzionare, avremmo sempre la possibilità di ricorrere a quella di prima; che nel frattempo è diventata il nostro “piano B”.

Vedete come in tutte le cose, la capacità e la voglia di essere flessibili, di puntare sempre a qualcosa di meglio, di arrivare preparati a un appuntamento, sia la base per l’eccellenza?

Vi lascio con un ultimo spunto, che secondo me è una vera e propria chicca.

Sulla scacchiera, come nello sport,e nella vita, tutti i “pezzi” sono importanti: Re, Regina, Cavalli o Pedoni che siano.

Non puoi mai sapere quale sarà la risorsa che ti permetterà di vincere una partita, perché non esistono risorse di serie A o di serieB.

Esistono soltanto quelle più o meno utili, a seconda del momento o della situazione.

“Chi pensa che per fare uno scacco matto si debba utilizzare per forza la Regina o un Alfiere, spesso perde la partita perché il suo Re resta in balia di un Pedone!!”


William FioraniDi William Fiorani

 

I più letti

2010
Maggio
10
Lun
Lunedì, 10 Mag 2010

Nel mio ultimo articolo ti ho promesso che ti avrei raccontato perché nel lavoro di sport coaching uno degli elementi fondamentali per migliorare le prestazioni è visualizzare.

Leggi tutto

2011
Novembre
07
Lun
Lunedì, 07 Nov 2011

Maglie, Pettorali e MEDAGLIE di ragazzi che hanno usato tanto Mental Coaching e tantissimo CuoreSto scrivendo dal mio albergo di NY, dove sinceramente non vedevo l’ora di arrivare! Perché? Bè, oggi ho appena finito la ING New York City Marathon e sono veramente a pezzi.

Leggi tutto

2011
Maggio
03
Mar
Martedì, 03 Mag 2011

Il mental coaching per ritrovare la motivazione mentalePer questo articolo ho preso spunto da una sessione di Mental Coaching durante la quale mi è stato chiesto un lavoro specifico riguardo alla perdita di motivazione. Come diceva il grande maestro Oogway (Kung Fu Panda) “il caso non esiste”... quindi ti racconto come, nella mia esperienza, ho lavorato con atleti riguardo a questa tematica.

Leggi tutto


2010
Giugno
07
Lun
Lunedì, 07 Giu 2010

Mental CoachingCiao, eccomi di nuovo qui a parlare di mental coaching applicato al calcio.

Leggi tutto


2010
Giugno
28
Lun
Lunedì, 28 Giu 2010

Juninho Pernambucano, specialista delle punizioni, forse ha utilizzato il mental coachingCome promesso nell’articolo precedente, sono ad illustrarvi un’applicazione concreta di come il mental coaching e l’anticipazione mentale del successo possono farti sfruttare al massimo un calcio di punizione.

Leggi tutto


2010
Aprile
12
Lun
Lunedì, 12 Apr 2010

Lavorando in ambito golfistico so che la capacità di visualizzare per chi gioca a golf (ma vale anche per gli altri sport) è di grande importanza!

Leggi tutto

2010
Agosto
31
Mar
Martedì, 31 Ago 2010

Inter Campione d’Europa 2010 e Campioni di Mental CoachingCiao a tutti sono Danilo, con questo mio primo articolo del blog vi parlerò di come i grandi campioni utilizzano (consciamente o inconsciamente) tecniche di Mental Coaching per raggiungere grandi e grandissimi risultati.

Leggi tutto


2010
Novembre
16
Mar
Martedì, 16 Nov 2010

I campioni del Mondo di Show Dance Production 2006 insieme al loro mental coach Alessandro MoraSe dovessi pensare ad una delle attività più comuni che gli sportivi fanno il giorno dopo la gara, probabilmente direi “comprare la Gazzetta dello Sport” (o qualunque altro giornale che parli della loro prestazione del giorno prima) oppure guardare i commenti su internet! :-)

Leggi tutto


2010
Ottobre
19
Mar
Martedì, 19 Ott 2010

Incredibile coreografia del Barça, fatta da uno Sport CoachOggi mi rivolgo agli allenatori, che spesso svolgono anche il ruolo di Sport Coach.

Una veloce premessa: non parlerò né di tecnica né di tattica, tu allenatore sei sicuramente molto più preparato di me.

Leggi tutto


2011
Settembre
12
Lun
Lunedì, 12 Set 2011

I Navy Seals utilizzano tecniche di Mental Coaching per superare le prove più dureMi rendo conto che il titolo sia molto forte, ma grazie al mental coaching, sto diventando un attento osservatore delle dinamiche della nostra mente e credo fortemente che nella maggior parte dei casi sia davvero così: FATICA FISICA = BULLSHIT!

Leggi tutto

Riester Vergleich pkv Finanzierung
© Ekis Sport - Ekis Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia
Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE